beatrice martini

Dal backoffice, miti da sfatare

beatrice martini

beatrice martini

Mi piace raccontarvi i dietro le quinte, così, tanto per dare voce a chi, troppo spesso, crede di non averne. Vorre una cassa di risonanza immensa… pazienza: mi accontento di quello che ho e ci provo lo stesso.

Qualche giorno fa parlavo con una ragazza di Grosseto che vorrebbe fare l’impiegata e mi raccontava di essersi vista rifiutare alcuni posti di lavoro perché “troppo qualificata”. Prima che l’azienda per la quale lavorava chiudesse i battenti, era arrivata a ricoprire un ruolo dirigenziale.

“Impossibile”, ho pensato tra me, “sarà la scusa addotta dall’addetto al personale per rifiutare la sua candidatura”.

In pausa caffè ho raccontato questa conversazione a un paio di amici e loro, guardandomi come se cadessi dal cielo, mi hanno detto che non era affatto una cosa strana. “C’è l’obbligo di assumere il personale mantenendo la qualifica precedente”, ha sentenziato uno. “Scherzi? rischi dei guai incredibili se declassi il personale!” ha rincarato l’altro.

Con le pive nel sacco me ne sono tornata triste e mesta alla mia scrivania, ma, non convinta, ho dato un’occhiata alla normativa. AVEVO RAGIONE IO!!! (amo aver ragione).

In soldoni: L’assunzione non è vincolata al livello contrattuale precedentemente acquisito. Il dipendente, anche inquadrato come dirigente durante l’ultimo rapporto, può farsi assumere da altro datore di lavoro con un livello più basso, purché vi sia un reale cambiamento nelle mansioni.

Insomma: ogni datore di lavoro è semplicemente tenuto a inquadrare correttamente il dipendente in relazione alle mansioni che questo deve svolgere. PUNTO.

E qui mi sorge un dubbio: perché c’è in giro questa convinzione? Da dove è saltata fuori? Per quale motivo persone che hanno competenze medio-alte ne sono convinte? Il mistero si infittisce… e forse, mettendo in campo un po’ di cervelli, potremmo persino capire…

Trovo frustrante e ingiusto che i successi ottenuti in passato possano giocare a sfavore di chi, pur di lavorare, è disposto ad accettare mansioni inferiori.

 

 

3 pensieri su “Dal backoffice, miti da sfatare

  1. Laurea, master, 20 anni di esperienza come assistente di alta direzione, dopo innumerevoli colloqui in cui mi sono sentita dire “ma col suo CV lei è’ sprecata per questa posizione, sicura che non si annoierebbe?” Ho deciso di mettermi in proprio!!!!!! Meno soldi, ma TANTE SODDISFAZIONI!!!! Sono una mucca viola?? Forse ……

  2. @ Stefania: ci credo e deve essere stato davvero frustrante! Guarda bene la normativa, prova ad andare a parlare con un consulente del lavoro e, se dovessi trovarti di nuovo nella stessa situazione, sii pronta a replicare. In bocca al lupo!

    @ Roberta: adoro le mucche viola :)… ci vuole coraggio, forza di volontà e tanta determinazione e, da quello che scrivi, mi sembra siano caratteristiche che non ti fanno difetto.

Lascia un commento