L’importanza della selezione attraverso i social media, nel mondo del lavoro, è oggi un aspetto molto importante e continuerà ad esserlo in futuro.

computer-69910_640
computer-69910_640L’università Cattolica di Milano ha condotto una ricerca che fa il punto sull’uso dei social network per fini professionali. Il Recruiting avviene ormai su internet.
Per l’Italia la ricerca ha coinvolto oltre 7.500 candidati e 269 selezionatori. Il 67% dei primi ha confermato come sia ormai prassi usare i social nella ricerca di un impiego, con un +14% rispetto all’anno passato. Il 56% ha d’altronde diffuso il suo curriculum vitae tramite queste piattaforme. D’altronde è assodato come i recruiter controllino puntualmente sui social, questo vi invita, se cercate un lavoro o se comunque avete un percorso professionale di reputazione, a mantenere curate e “pulite” le vostre pagine social. I profili finiscono sotto analisi, soprattutto la parte che riguarda le precedenti esperienze lavorative, i riconoscimenti professionali  e i successi, ma la personalità è pur sempre al centro: il 25,5% dei cacciatori di teste ammette infatti di aver bocciato un candidato per foto, contenuti, commenti postati sulla propria pagina.
Nel 2013 si è trattato del 53% delle attività di selezione. Quest’anno si toccherà il 61%. Gli uffici per l’impiego e i centri di collocamento, almeno per i primi contatti, sono morti.

Una creatività accesa per una di noi, progetti che attendono la luce! Laila si racconta…

IMG_2683
IMG_2683Nel 2012 quando da un giorno all’altro mi sono trovata senza lavoro inaspettatamente per problemi di ordine finanziari dell’azienda per la quale progettavo, ho pensato: serve una nuova idea…
…così è stato e ne è nata una prima innovativa in italia. Forse troppo e non supportata a livello legislativo e mentale da funzionari statali incapaci di mettersi in gioco, asl veterinaria poco collaborativa, iter complicato soprattutto per ciò che riguardava e riguarda il food.
“bymà” è [e ne parlo al presente perchè non desisto] un concept che si concentra su architettura, design, food e letteratura a 4zampe.
Gli sviluppi sono anche recenti, tengo le dita incrociate, il 26 giugno in occasione della giornata del pets@work è stata presentata la parte dedicata alla progettazione, al welfare.
Questo oggi a distanza di anni è il mio hobby.
…quindi ripenso…
nasce la “necessità” di lavorare, ho voglia di lavorare e di farlo bene.
Arrivare a farsi conoscere tramite un cv è difficile, sembra sempre manchi qualcosa forse quel pizzico di fortuna.
Devo lavorare però e lo ripeto è una necessità e non mi vergogno a dirlo.
Sviluppo l’idea, ma sono da sola e l’accesso al credito è impossibile.
In camera di commercio dove c’è uno sportello dedicato al design sono piacevolmente stupiti, disponibili, per l’imprenditoria femminile in lombardia però non c’è nulla a livello di finanziamenti.
La mia vita si è modificata molto nel tempo, nasco in una famiglia benestante, il mio nonno industriale nel campo dei mobili da cucina, bravo nel suo lavoro, nato dopo la guerra,
poi problemi famigliari, la decisione di lasciare tutto a chi stava facendo stare poco bene il mio papa, la salute sua era più importante, ma gli scrupoli inesistenti dei “parenti” e il suo fidarsi ci hanno portato a non avere più quasi nulla, qualche debito. i suoi soldi “tanti”, persi per ciò che a volte nei tribunali non funziona…lo sbaglio del suo avvocato ad aggravare il tutto, il suo spegnersi…
…per questo dico che sono sola…vorrei ricominciare a vivere, vorrei far ritrovare il sorriso a chi mi sta vicino e che devo aiutare.
Ripartirei dal tema che tanto affascinava il nonno e che affascina anche me: la cucina come spazio da progettare e il cucinare come gesto.
Mi scende una lacrimuccia, difficile “non importa”,lo vorrei tanto per me e per chi con me potrebbe collaborare nel gioco della commistione di competenze: aziende, anche importanti, sembrano essere interessate.
Grazie per il tempo che mi avete dedicato…Laila…
Laila ci ha consegnato i suoi bellissimi progetti che restano disponibili per chiunque abbia voglia di valutarli ed investirci. Crediamo nella grinta di una donna che continua a cercare una strada possibile per realizzare i suoi sogni e continueremo a darle voce. Buona fortuna Laila!

La formazione: una grande risorsa per trovare lavoro

formazione professionale

formazione professionale

Nell’analisi del Centro Europeo per lo Sviluppo della Formazione Professionale si legge come nel 2020 l’economia europea richiederà il 31,5% di occupati con alti livelli di istruzione e qualificazione, il 50% con livelli intermedi, mentre i posti di lavoro per soggetti con bassi livelli di qualificazione crolleranno dal 33% del 1996 al 18,5%.

La formazione appropriata quindi assume fin da oggi un particolare rilievo ed i giovani sono chiamati ad un orientamento specifico per il mondo del lavoro del futuro.

Scegliere il percorso formativo più adatto all’acquisizione di un know how di livello medio-alto non è  però semplice come sembra; ci si ritrova spesso a scandagliare confusamente il web alla ricerca di un corso di formazione che riesca a ‘garantire’ l’introduzione in un contesto lavorativo in tempi più o meno brevi.

Consapevole dell’importanza della scelta e dell’impegno economico che comporta, Wissen Search mette a disposizione un vero e proprio motore di ricerca che attraverso una piattaforma digitale intelligente consente di orientarsi nell’universo infinito di master e corsi di formazione e si impegna ad aiutare i suoi utenti concretamente nella scelta di un percorso formativo adeguato alle capacità del singolo ed alle esigenze lavorative emergenti.

 

 

 

Caro Renzi il jobs act non ha risolto, il popolo SOVRANO ha bisogno della dignità che solo il lavoro può dare!

An di DoAnBe

Caro presidente

An di DoAnBe

An di DoAnBe

molto del clamore intorno ai vostri, tanto pavoneggiati, risultati della riforma del lavoro è dovuto al fatto che ci sia stata una grande quantità di contratti trasformati, poche le nuove assunzioni. La questione inoltre diventerà di difficoltà estrema allo scadere degli incentivi. Ho letto un articolo di Repubblica pochi giorni fa sull’argomento che riportava un sondaggio i cui dati mi hanno per l’ennesima volta portata a queste conclusioni.

L’ITALIA  È OPPRESSA DALLA PRESSIONE FISCALE!

Fino a che non eliminerete i maxi stipendi dei privilegiati intorno al governo e nelle cariche pubbliche, i vitalizi, e tutte le spese che questa povera Italia deve sostenere per il magna-magna generale, il popolo sarà sovrano della sua disperazione. Non si risolve facendo tagli sulla sanità o sulla scuola! VERGOGNA!

Ricevo mail continuamente da persone che avevano una dignità lavorativa e che stanno perdendo sé stessi.

Gli italiani sono sempre stati generosi ed accoglienti, oggi ci accusano di essere razzisti ed invece il rischio è quello di fare razzismo al contrario: come potete chiederci di sostenere ed aiutare queste flotte di disperati che approdano sulle nostre coste se molti di noi non arrivano a fine mese?

Basta! L’italia non cambia verso e non riparte se non riducete la pressione fiscale. Le aziende non assumeranno se i costi e i pericoli economici annessi saranno ancora così alti!

Chiudere le frontiere non è un segno di razzismo è la richiesta di aiuto di un paese al delirio.

CARO PRESIDENTE NON ELETTO basta parole restituisca dignità al popolo che dovrebbe servire!

 

 

Disegnatrice di moda

disegnatrice di moda

disegnatrice di moda

 

” Salve, sono Anna Corda e sono una disegnatrice di moda”… e si vede.

Arriva così la presentazione di una nostra utente, una ragazza giovane e spigliata che in poche frasi e alcune fotografie riesce subito a conquistarmi.

Ci sentiamo per telefono, mi parla dei suoi studi, della difficoltà a trovare un lavoro che sfrutti al meglio le sue doti.

Mi racconta dei mesi trascorsi a lavorare in una casa di moda come uno dei periodi più belli della sua vita. Vuole tornare a fare ciò che ama: disegnare vestiti.

Non si arrende.IMG_20150228_212849
Non è il tipo da stare con le mani in mano e, negli anni, si è adattata a svolgere altri lavori, ma non ha ancora smesso di credere in se stessa, nel suo sogno e nelle sue passioni.

Le fotografie dei suoi progetti parlano per lei…

Volete contattarla? basta un commento sotto questo articolo!

 

143404242344814340424575561434042477926

Il lavoro subisce un altro duro colpo: 200 dipendenti rischiano di perdere la loro occupazione…

volterra_corteo_primo_maggio_2015_05_01_04

volterra_corteo_primo_maggio_2015_05_01_04Ancora posti di lavoro a rischio, chiude a Volterra la Smith International, l’azienda che produce punte perforazioni petrolifere. L’azienda era in crisi da tempo , ed erano già stati mandati in cassa integrazione i due terzi dei lavoratori. Ad incidere sui problemi dell’azienda è stata senza dubbio la crisi del settore, ma anche, a detta di Massimo Basilei della Cgil di Pisa, la produzione di macchinari obsoleti. Basilei ha chiesto l’intervento della Regione per salvare duecento posti di lavoro in una zona a bassa densità occupazionale. Le ricadute saranno pesanti su tutto il territorio. Insieme a coloro che lavorano e che credono nella forza delle persone chiediamo a tutti di condividere questo articolo. Sarebbe bello poter dire di aver contribuito a trovare investitori per salvare i posti di lavoro di tante famiglie!

Forza e coraggio!

Lavoro: novità e riflessioni in un mondo in continuo cambiamento…

An di DoAnBe

 

An di DoAnBe

An di DoAnBe

Quando si affronta l’argomento lavoro si rischia sempre di addentrarsi in un terreno assai rischioso.
C’è rabbia per tutto ciò che sta precipitando il nostro paese in un declino storicamente mai osservato. I nostri politici sembrano sempre avere soluzioni in tasca e poi puntualmente sono clamorosi fiaschi. Dunque che fare? Con doanbe.it abbiamo indagato la questione occupazione in lungo e in largo, sono ormai due anni che parliamo con persone alla ricerca di un lavoro e con aziende che operano in vari settori produttivi, quello che emerge é un dato forse tutto sommato confortante, molte aziende non riescono a reperire personale! E allora perché c’è così tanta gente disoccupazione? Non abbiamo la presunzione di poter dare una risposta, però ci sentiamo in grado di fare qualche osservazione in merito. Le figure richieste spesso sono professioni per le quali c’è poca formazione, nell’ambito metalmeccanico per esempio, nè le scuole professionali nè le associazioni di categorie si preoccupano di valutare questi dati e di spingere i giovani in tale direzione. Rimane il fatto più allarmante che c’è molta resa e le persone sconfortate non si impegnano più nella ricerca e nelle iniziative. Altro aspetto interessante é invece il fatto che stanno nascendo lavori nuovi in particolare nelle nuove tecnologie, il mondo del web, dei social network offre nuove opportunità. E poi ci sono quelle iniziative straordinarie che vengono dai giovani e che fanno di un’idea piccola e semplice un occasione di successo.

Quello che abbiamo a cuore é sempre la raccomandazione a non arrendervi, provateci, contattateci se avete bisogno anche solo di fare una chiacchierata, ma continuiamo a lavorare insieme per crescere e per trovare soluzioni. Il lavoro è la dignità della persona.
Noi con voi!

COLLOQUIO DI LAVORO. Presentarsi ad un colloquio di lavoro con fiducia in se stessi fa la differenza.

group-464644_640

group-464644_640Le tecniche di valutazione delle competenze di una persona che si candida per un lavoro sono diverse.
Alcune si basano su quesiti strutturati per individuare il collegamento tra le esperienze passate ed il lavoro per cui ci si propone. Altre considerano le capacità cognitive o ancora la predisposizione alla leadership. Vengono considerati gli aspetti attitudinali e le esperienze.
Ma…
Alcuni studi sostengono che la decisione viene presa, da chi effettua il colloquio, nei primi 5 minuti!
Il resto del tempo serve solo a confermare l‘impressione iniziale. Conta molto l’impatto da subito e pare venga premiato l’approccio deciso e positivo, fermo restando che ci siano le competenze previste per la candidatura in questione. Ciò che veramente consente di fare una scrematura é senz’altro una risposta che cattura per originalità e forza trainante. Pensateci!

Lavoro, cresce la domanda e cresce l’appiattimento e le conseguenze psicologiche.

An di DoAnBe
An di DoAnBe

An di doanbe.it

Parlavo con un amico pochi giorni fa, ha fatto i salti mortali per aiutare una persona precipitata nell’abisso della depressione causata dalla perdita del lavoro. Purtroppo è una storia comune oggigiorno perché il lavoro costituisce parte integrante della dignità di una persona. Michele mi faceva notare che spesso coinvolge più gli uomini delle donne, probabilmente questo culturalmente è vissuto come un grande fallimento nell’idea di famiglia tradizionale quindi un uomo si annichilisce e non trova più la forza di reagire e di provarci ancora. Sensazioni che in un modo o nell’altro abbiamo provato tutti. Ci vuole coraggio, ci vuole forza! Sforzatevi di provarci, provate a pensare che da una piccola occasione può nascere altro, magari un lavoro stabile. Possiamo confermarvi che ci sono ancora aziende che assumono e che succede persino che non riescano a trovare le figure professionali che cercano. Noi siamo dalla vostra e ci sforziamo di darvi visibilità, ma abbiamo ancora tanti profili che, per esempio, non hanno la foto, abbiamo addirittura richieste che non hanno avuto risposta. Dai ! insieme ce la possiamo fare a smuovere un po’ le acque stagnanti di questo declino! Ma dobbiamo farlo credendo ancora che ognuno di noi è una forza grande, perché sono le persone che muovono il mondo, ogni persona singolarmente e tutte le persone unite!!!

doanbe.it,lavoro

Abbiamo aggiornato le APP! Nuove e riviste, sono fantastiche!

logo app
logo app

logo app

Dopo un’analisi attenta e sempre rivolta ai nostri utenti, sono online le nuove applicazioni telefoniche doanbe sia per IOS che per ANDROID. Sono più chiare e sempre più efficaci. Vi ricordiamo che attraverso le app è più facile contattare la persona che cercate, ed ovviamente è ugualmente facile essere contattati. La chat  è veloce e vi rende reperibili sul momento anche per lavori occasionali. La nuova versione consente la registrazione diretta e una ricerca facilitata di tutte le categorie presenti sul sito.

Forza e avanti sempre più dirette al cuore del lavoro!

Ci crediamo!