voucher-buono-lavoro

I Voucher per i lavori occasionali: istruzioni per l’uso

voucher-buono-lavoroI Buoni lavoro sono il metodo di pagamento per i lavori occasionali in cui il rapporto non è sancito da un contratto perché il lavoro è saltuario.
Ogni Voucher ha un valore pari a € 10,00 di cui il netto per chi fa la prestazione è il minimo stabilito in € 7,50. Comprende quindi sia copertura INPS che INAIL e mette al sicuro datore di lavoro e lavoratore. Consente al Committente di essere nella piena legalità e al Prestatore d’opera di fruire di un compenso che non va ad incidere sullo stato di disoccupazione ed inoltre ha comunque un cumulo pensionistico.
Le attività occasionali possono essere svolte da tutti, inclusi i pensionati e gli studenti.
I compensi percepiti attraverso i Voucher non possono superare la soglia di € 5050,00 netti ossia € 6740 lordi in un anno. Non si può prestare opera per lo stesso datore di lavoro per una cifra superiore a € 2690,00 lordi.

Uso per il Committente 
Il datore di lavoro deve dare comunicazione all’ INPS prima dell’inizio dell’attività attivando così il voucher. Al termine del lavoro il prestatore d’opera riceverà i buoni orari equivalenti al tempo impiegato.

I buoni sono in vendita presso le sedi INPS, in via telematica, gli sportelli bancari abilitati, tabacchi autorizzati e  uffici postali.

Uso per il lavoratore
I Voucher possono essere riscossi presso tutti gli uffici postali del paese entro due anni dal ricevimento termine oltre il quale non hanno più validità. Quelli acquistati in via telematica vengono retribuiti con bonifico domiciliato riscuotibile negli uffici postali e quelli acquistati presso le tabaccherie presso le stesse entro il termine temporale di un anno dalla ricezione.

Lascia un commento